Segnala la tua appChi siamoContatti

Semi di lino, piccolini ma speciali

Un vero toccasana è rappresentato dai semi di lino. Questi semini, piccoli e appuntiti, in realtà nascondono una miniera di virtù.

 

 

In primo luogo i semi di lino sono ricchi di omega 3 vegetali, indispensabili per tenere a bada i livelli di colesterolo cattivo, e lignani, un tipo di fitoestrogeni. Queste sostanze, secondo recenti studi, avrebbero proprietà antitumorali. In più, sembra che i semi di lino possano rafforzare il sistema immunitario rendedoci più forti nei confronti di attacchi esterni alla nostra salute. A queste proprietà aggiungiamo che i semi di lino sono indicati in caso di stipsi in quanto ricchi di mucillagini che conferiscono un'azione lassativa e di protezione nei confronti delle infiammazioni.I semi di lino sono inoltre scrigni di sali minerali e vitamine, soprattutto la vitamina E.

Ma come possiamo assumerli? Va anticipato che i semi di lino interi non sono facilmente digeribili, quindi, un ottimo modo, anche molto gustoso, di integrarli nella proprio dieta può essere quello di macinarli con un macinacaffè e di aggiungerli allo yogurth della prima colazione, alle macedonie o alle insalate. Prestate però attenzione, perchè i semi di lino sono facilmente deteriorabili e una volta macinati, se non utilizzati subito, vanno riposti in frigo in un contenitore a chiusura ermetica sotto vuoto.

Esiste poi anche l'olio di semi di lino. Anche questo prodotto è molto delicato e può andare incontro a ossidazione. Per cui, quando lo comprate badate che sia conservato in un contenitore di vetro scuro o comunque al riparo dalla luce e in frigo. L'olio preserva il contenuto in omega 3 e lignani e può essere aggiunto a crudo ai cibi. Un'ultima informazione, in commercio esistono due varietà di semi di lino: una chiara, delicatissima ma pregiata, e una scura, più economica ma resistente. Nella maggior parte dei casi troverete la varietà scura.

Lascia un commento












Segnala la tua appChi siamoContattiPrivacy